MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’
E DELLA RICERCA (MIUR)

In risposta ai processi di trasformazione e ristrutturazione del settore industriale della moda, nelle sue differenti articolazioni, anche in ragione dell’apertura dei mercati e della competizione internazionale e al fine di supportare e promuovere la competitività delle imprese del settore e l’occupabilità, le parti sociali (Sistema Moda Italia, Filtea – CGIL, Femca – CISL, Uilta – UIL) e i Ministeri dell’Istruzione e del Lavoro  hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa siglato l’8 marzo 2006 che prevede una serie di misure declinate in un Piano Formativo Nazionale Integrato così articolato:

◊  realizzazione di un rapporto che analizzi gli scenari evolutivi del settore, sia per ciò che riguarda il quadro economico competitivo che per la trasformazione delle professionalità e delle competenze richieste;

◊  valorizzazione del patrimonio professionale esistente attraverso la sperimentazione di nuovi strumenti formativi che supportino la mobilità, l’inserimento e il reinserimento nel mercato del lavoro del settore.

Nella convinzione della necessità di strategie e scelte correlate e integrate tra le esigenze emergenti in ambito nazionale e quelle in ambito regionale, orientate a porre le basi per un’azione congiunta tra mondo della ricerca, sistema della formazione e imprese, il Piano Formativo individua una serie di misure di sistema la cui realizzazione è stata affidata agli Uffici Scolastici Regionali, congiuntamente agli Assessorati Regionali competenti, in azione sinergica con le strutture regionali delle parti sociali territorialmente corrispondenti. Le regioni interessate dal progetto sono:  Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Puglia, Campania.

L’espletamento dei singoli piani di intervento derivati dal Protocollo d’Intesa prevede un’articolazione basata sulle seguenti aree:

• Attività di formazione: comprendono sia la realizzazione dell’offerta formativa riferita all’innovazione tecnologica e ai risultati della ricerca applicata (allegato a del Protocollo: lettere a) – d), sia alla predisposizione di un pacchetto di innovazione gestionale (allegato adel Protocollo: lettere f) – i) );

 •  Attività di accompagnamento: si configurano come misure nazionali di sistema, che sono state gestite a livello territoriale in una dimensione multiregionale. Tali attività comprendono anche le misure di cui alle lettere a), h), i) ed n), tutte rintracciabili nel medesimo allegato in questione e coordinate dal MLPS.

FORMARE ALL'INNOVAZIONE TESSILE
(Piemonte)

Il progetto è volto a definire e mettere in campo misure di sistema in grado di sostenere l’innovazione nel comparto dell’industria tessile moda italiana e favorire il recupero di competitività con il conseguente riposizionamento del settore sui mercati globali partendo dalla riprogrammazione dell’offerta formativa scolastico-professionale.

MANUALE
PER L'ORIENTAMENTO (Puglia)

L’iniziativa si colloca all’interno delle misure nazionali per il rilancio delle politiche per l’occupazione e la competitività nazionale ed internazionale del settore Tessile Abbigliamento Calzaturiero. Il progetto vede la partecipazione, tradotta in modalità di azione e compiti differenti, delle Regioni Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto.

RAPPORTO SUGLI ATTEGGIAMENTI DI GIOVANI E FAMIGLIE VERSO IL SETTORE TAC (Campania)

Il Rapporto è stato realizzato nell’ambito dell’attività di accompagnamento relativa al Piano Formativo Nazionale Integrato per il Settore calzaturiero siglato il 17 marzo 2005 e il Piano Formativo Nazionale Integrato per il Settore tessile siglato in data 8 marzo 2006.

PROGETTO PER LA PREDISPOSIZIONE DI UN MANUALE E DI UN KIT ALTERNANZA (Veneto)

Il Rapporto è stato realizzato nell’ambito dell’attività di accompagnamento relativa al Piano Formativo Nazionale Integrato per il Settore calzaturiero che ha visto l’affidamento alla regione Veneto della realizzazione di una Manuale di Alternanza Scuola Lavoro e di un Rapporto sugli atteggiamenti di giovani e delle famiglie verso il settore tessile e calzaturiero.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi